Scalfarotto:“Chi pensa che la legge sull’omofobia serva a far diventare simpatiche le persone lgbtq, fa un errore”

L’ on. Scalfarotto:”La legge sull’omofobia serve ad evitare comportamenti criminali: violenza, discriminazione, odio. Non può andare aldilà di questo”.

Di diritti civili il protagonista dell’intervista di oggi ne sa parecchio. Inserito dall’Economistfra le 50 persone che hanno contribuito nella loro funzione pubblica al progresso e al riconoscimento della diversità, l’onorevole Ivan Scalfarotto, deputato di Italia Vivasottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, ha raccontato la sua visione di questa legge contro l’omotransfobia (ddl di Alessandro Zan) che approda alla Camera proprio stamane. Una legge che “non deve educare le persone a pensare bene”, ma il cui fine giuridico è garantire “l’incolumità e la dignità e la libertà delle persone lgbtq”. 

Il suo è un sostegno totale, che gli è costato anche una vignetta omofoba, quella pubblicata da Mario Impronta (noto come Marione) il 5 Luglio. Ma la sua è “una testa dura” che non si ferma di fronte a qualche becero attacco omofobo volgare, perché dell’attivismo e della lotta per i diritti civili ne ha fatto la sua ragione politica. Tant’è che lui stesso firmò una delle prime proposte di legge contro l’omotransfobia (quella del 2013), mai purtroppo passata. Questa volta cambierà l’esito finale? Abbiamo provato a chiederlo all’onorevole Ivan Scalfarotto.

L’articolo completo su La politica del popolo:

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *