oreo lgbtq. pride cookies

Oreo sempre più LGBTQ: Lancia i biscotti Pride

Ottobre è il mese della storia LGBTQ, una ricorrenza molto sentita in America, dove le grandi aziende si stanno reinventando una politica più inclusiva e attenta ai bisogni della comunità arcobaleno. Così ha fatto anche la storica casa dei biscotti neri Oreo. Ha lanciato i suoi biscotti Pride con i colori dell’arcobaleno.

Biscotti Pride Oreo per il mese della storia LGBTQ

DOVE SI TROVANO?

I biscotti non sono in commercio nei normali supermercati, ma vanno guadagnati. Oreo infatti ha lanciato una sfida:

Ci sono solo 10.000 pacchetti di biscotti LGBTQ. Potranno riceverli solamente le persone selezionate fra chi pubblicherà una foto che mostri cosa significhi essere un alleat* LGBTQ. Dev’essere taggato @OREO su instagram o twitter, aggiunto ai follower, e bisogna inserire gli hashtag #ProudParent e #Giveaway. Tutte le informazioni utili sono fornite nel sito che Oreo ha creato per questa campagna.

PROUD PARENT

La campagna Proud Parent (Genitori Orgogliosi) è stata creata in collaborazione con PFLAG National per mostrare i benefici per i giovani LGBTQ nell’avere una famiglia più inclusiva e accogliente.

“Insieme ci impegniamo a responsabilizzare e ispirare genitori, famiglie e alleati a manifestare un forte sostegno pubblico”.

Si afferma nella pagina web della campagna, accompagnata da un video che mostra una coppia di ragazze (Amy e Jen) per la prima volta a casa della famiglia di Jen. Amy viene presentata come fidanzata e questo scatenerà differenti reazioni da parte dei componenti del nucleo familiare. Un video delicato e commovente che sottolinea l’importanza della famiglia nella crescita di ogni persona.

MARKETING OREO

Oreo non è nuovo a iniziative di marketing studiate su misura dei propri consumatori: ha realizzato già special edition di Chiara Ferragni, Supreme, e anche per il Pride. Ha sempre un social media marketing efficace e contemporaneo. Riesce per ogni evento significativo a creare post, video, campagne, efficaci, con grafiche colorate e claim che creino engagement e attraggano il pubblico. Oreo ha una delle migliori social media strategy del suo settore.

La campagna Proud Parent è l’ultima di questa perfetta strategia digitale. Il suo claim: “For over 100 years, Oreo has been bringing families together” (Da oltre 100 anni Oreo riunisce le famiglie insieme), è geniale. Pone contemporaneamente l’azienda nel solco della sua storia e della modernità, toccando uno dei temi più cari per tutti: la famiglia, gli affetti.

Questa campagna mostra ancora una volta quanto il mercato LGBTQ sia una fetta di pubblico che le aziende cercano di conquistare con strategie studiate ad hoc.

È un bene o un male? Ognuno ha posizioni differenti, ma sta di fatto che finché nelle pubblicità si vedranno solo persone eterosessuali cisgender, il popolo LGBTQ si sentirà sempre escluso. Ben venga il marketing arcobaleno nell’attesa di un giorno in cui non sarà novità, ma norma.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.