MEDIASET ARCOBALENO CON OLTRE LA SOGLIA

Anche Mediaset tinge le sue fiction di Arcobaleno! Oltre la soglia, la nuova fiction di Canale 5, che vede Gabriella Pession come protagonista principale nei panni di una primaria del reparto di Neuropsichiatria Infantile, ha portato in scena storie di adolescenti lgbtq. 

Di che cosa parla Oltre la Soglia?

La fiction racconta le storie dei giovani pazienti del reparto di neuropsichiatria infantile, curati da una dottoressa particolare, Tosca Navarro (Gabriella Pession), anche lei affetta da disturbi psichici. Una condizione particolare – impossibile nella realtà – ma funzionale allo sviluppo della storia. Infatti, proprio il background della Navarro le consentirà di avere uno sguardo più familiare e intimo verso i protagonisti delle vicende narrate. Ogni adolescente ricoverato nel reparto ha qualche problema che gli impedisce di vivere serenamente la sua vita nella società, e lì troverà un modo per imparare come gestirsi e affrontare le sue paure più profonde. Accanto agli adolescenti, troviamo le storie personali dei medici che, stando l’intera giornata a lavoro, creano una sorta di villaggio con regole proprie e legami speciali. 

Il cast

La fiction si avvale di un cast di attori affermati; oltre alla già citata primaria Gabriella Pession, troviamo il sostituto procuratore Giorgio Marchesi; i medici Paolo Briguglia, Alessandro Tedeschi e Nina Torresi. Attori bravi, che sanno dare spessore e umanità ai loro personaggi. Su tutti, ovviamente, spicca l’interpretazione della primaria, che porta in scena un personaggio complesso, pieno di sfaccettature e chiaroscuri, in grado di affascinare e allontanare allo stesso tempo. 

Le storie arcobaleno

Come anticipavo all’inizio, nelle ultime puntate sono andate in scena più di una storia arcobaleno: dalla disforia di genere di Riky, che ancora deve essere sviluppata ampiamente nel racconto, alle storie di Bruno e Diego. Ma vediamo nel dettaglio queste ultime. 

Bruno

Bruno (interpretato dal bravissimo Nicolò Bertonelli) viene ricoverato per disturbi dell’alimentazione, anoressia nello specifico. È un ragazzo intelligente, sarcastico, colto ed elegante. Nel corso delle puntate rivela la sua omosessualità ai compagni di degenza in totale naturalezza, infatti lui ha già consapevolezza di chi sia e cosa cerchi. Il nodo delle sue problematiche ruota intorno alla figura del padre, ricco, assente, celato dietro il suo lavoro, che cerca di scaricare il figlio da un istituto all’altro pur di non prendersene cura.

Diego

Un bel giorno arriva Diego (Giacomo Colavito) nel reparto. Giovanissimo eppure già pugile professionista, che ha abbandonato gli studi per dedicare tutto il suo tempo per diventare un campione. Diego sviene perché non riesce a sentire il dolore quando si affatica troppo, così non sa quando deve smettere. Soffre di vigoressia, un disturbo dell’immagine corporea che porta la persona a preoccuparsi eccessivamente della sua massa corporea a discapito della propria salute. Ma il punto nevralgico dei suoi problemi è la sua omofobia interiorizzata, quell’incapacità di accettare la sua omosessualità, tenuta celata anche alla famiglia per la paura paralizzante che non l’accetterebbero mai.

I percorsi di Diego e Bruno si intersecheranno, con momenti di violenza e amore, fino alla liberazione totale. La fiction non offre un’immagine patinata, ma parla senza fronzoli della fatica di accettarsi e di viversi. Il merito di Oltre la soglia è di saper calare le sue storie nel reale e rendere giustizia a ogni personaggio affrontato, permettendo allo stesso tempo una fruibilità intergenerazionale delle storie narrate. Mancava nel palcoscenico televisivo una fiction che si spingesse nei meandri dei reparti di neuropsichiatria infantile e togliesse quel velo di pregiudizio che accompagna le tematiche psichiatriche. Oltre la soglia è un prodotto ben confezionato, profondo senza pesantezza, che ancora ha tanto da offrire allo spettatore. Speriamo quindi in una seconda stagione!

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *