L’omofobia ai tempi della pandemia

Se pensavate che l’emergenza da Coronavirus potesse calmare gli animi degli omofobi e farli focalizzare su qualche altro obiettivo, vi sbagliavate di grosso! L’omofobia è sempre in agguato.

 

Già nell’articolo “Che cosa c’entrano i gay con il Coronavirus?” pubblicato nella rubrica “Il venerdì di Lesbica Moderna” su “La politica del popolo”, avevamo parlato delle dichiarazioni omofobe del pastore Rick Wiles della Flowing Streams Church, in Florida. Questa volta è il turno di un’altra religione e nuove dichiarazioni omofobe. Gira la ruota e il risultato non cambia.

Il Patriarca Ucraino Filaret

Questa volta le dichiarazioni arrivano dalla lontana ucraina, il protagonista è l’arcivescovo ortodosso Filaret che in un discorso ai fedeli ha detto:
“L’esplosione del Coronavirus sul pianeta è da attribuire a gay e lesbiche. La causa della diffusione sul pianeta del coronavirus Covid- 19 sono i matrimoni omosessuali. È questa la causa vera del Coronavirus. Ricordatevi che Dio bruciò Sodoma e Gomorra”.

Ma il contributo del Patriarca alla pandemia non si ferma qui. Ha infatti invitato i suoi fedeli a recarsi ai templi per ricevere la comunione, perché “grazie alla forza di Gesù la malattia non si diffonderà fra i fedeli”.

I casi analoghi

Prima di Filaret, c’era stato nei giorni scorsi anche il rabbino sefardita Mei Mazuz, il quale sabato scorso durante una celebrazione religiosa ha affermato che la causa del Covid – 19 sia dei Gay Pride. “Una parata contro la natura, e quando qualcuno va contro la natura, colui che ha creato la natura si vendica di lui”. E chi si salverà? Solamente i Paesi Arabi, che privi di Gay Pride “non hanno questa inclinazione malvagia”. E non dimentichiamoci i vari commenti degli utenti a Radio Maria, che attribuivano le colpe del diffondersi del virus in Italia alle unioni civili.

Insomma, sembra chiaramente è stato scoperto un soggetto che lotta strenuamente contro il Coronavirus fino alla sua immunizzazione totale: l’omofobia, che anche ai tempi della pandemia resta con noi a farci compagnia!
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *