La difesa della bandiera arcobaleno in North Dakota

Carrie Evans finora era conosciuta solo nella sua cittadina del North Dakota, Minot. Eletta come consigliera comunale, si era distinta subito per il suo interesse per le tematiche lgbtqia+.

Ma l’8 settembre, durante l’assemblea del Consiglio Comunale è balzata alle cronache per la sua difesa della bandiera arcobaleno contro i cittadini omofobi che volevano venisse rimossa dal Consiglio Comunale.

I FATTI

La bandiera arcobaleno, issata in Consiglio Comunale, era stata approvata prima dell’esplosione del coronavirus. Approvata dal sindaco di Minot su proposta del gruppo lgbtq+ locale Magic City Equality, doveva fare la sua comparsa proprio nel mese del Pride. Ma a causa della pandemia, è stata issata solo il 2 settembre.

Ma ad alcuni cittadini questa decisione non è piaciuta e hanno manifestato tutta la loro omofobia durante la seduta dell’8 settembre del Consiglio Comunale.

LE CONTESTAZIONI

Quali erano le argomentazioni dei cittadini? Eccone un piccolo campionario:

“La bandiera LGBT rappresenta i genitali di alcuni americani”.

“Mi imbarazza spiegare ai miei figli il significato della bandiera”.

“Può portare alla glorificazione dei pedofili”.

“Porta a saccheggi e rivolte”.

E infine c’è anche chi se l’è presa con la consigliera Carrie Evans: “È stata disonesta a non aver dichiarato esplicitamente di essere lesbica in campagna elettorale”.

LA DIFESA

Insomma un bel bestiario dell’omofobia, al quale Carrie Evans ha replicato con forza e determinazione:

“Sono orgogliosamente la prima lesbica apertamente eletta nel Nord Dakota, quindi è per questo che non sto prestando attenzione alle tue stronzate. Vivo a Minot. Sono un contribuente. Sono una persona. Mi vedo rappresentata su quel pennone. Questa città è abbastanza grande per tutti noi. Il fatto che io abbia una bandiera sventolante non toglie nulla ai tuoi diritti e alle tue libertà. Mi dispiace che non ti faccia sentire a tuo agio, ma siamo qui, siamo gay e non ce ne andremo.”

State attenti omofobi del North Dakota: Carrie Evans non la fermerete!

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.