Alessandro Zan:“Non possiamo perdere un altro treno!”

Intervista al protagonista principale della scena politica nostrana: il deputato Alessandro Zan, padrino della legge contro l’omolesbobitransfobia.

Della legge contro l’omolesbobitransfobia ne parlano un po’ tutti, in toni diametralmente opposti: se da un lato c’è l’auspicio che finalmente venga sancita una maggior tutela per i crimini d’odio contro il popolo lgbtqi+, dall’altro c’è un guazzabuglio a tratti fantasioso e paradossale di critiche. Tra chi urla contro il ddl liberticida che distruggerebbe il Natale (Annagrazia Calabria, FI) e chi sostiene che aiuterebbe la lobby gay dal valore di mille miliardi di euro (Alessandro Pagano, Lega), in questi giorni durante la discussione alla Camera, se ne sono sentite di tutti i colori. 

In mezzo a questo bailamme di accuse e piazze multicolori, abbiamo deciso di parlare con l’uomo dietro la legge: il deputato Alessandro Zan. Disponibile e consapevole della responsabilità di questo suo gravoso incarico, ha auspicato “una mobilitazione a sostegno di questa legge da parte di esponenti del mondo della cultura, dello spettacolo, ma anche del movimento e delle associazioni”.  

L’articolo completo su La politica del popolo:

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *